Archivi categoria: Materiali I A LES

Un partigiano come Presidente

Il Presidente della Repubblica più amato è stato certamente Sandro Pertini. Gli studenti della I A LES approfondiscono questa importante figura attraverso la visione della trasmissione televisiva ” Il tempo e la storia” a lui dedicata.

E’ un modo per recuperare informazioni su un periodo della storia recente del tutto sconosciuto a dei ragazzi di quindici anni.

Guarda anche tu la puntata

tempo storia pertini2

20150224_100721

20150224_101032

Perseguitato per il suo impegno politico contro la dittatura di Mussolini, nel 1925 fu condannato a otto mesi di carcere, e quindi costretto a un periodo di esilio in Francia per evitare una seconda condanna.

Divenne in seguito una delle personalità di primo piano della Resistenza italiana e fu membro della giunta militare del Comitato di Liberazione Nazionale.

Nell’Italia repubblicana fu eletto deputato all’Assemblea Costituente per i socialisti, quindi senatore nella prima legislatura e deputato in quelle successive.

Fu eletto Presidente della Repubblica Italiana l’8 luglio 1978.

La sua costante presenza nei momenti più importanti della vita pubblica italiana, nelle situazioni piacevoli come nei momenti difficili, è stata probabilmente uno dei motivi della sua grande popolarità. Spesso è stato definito come il “presidente più amato dagli italiani”, ricordato per l’amore verso l’Italia, per il suo carisma, per il suo modo di fare schietto e ironico, per l’onestà, per l’amore verso i bambini (a cui prestava molta attenzione durante le visite giornaliere delle scolaresche al Quirinale) e per aver inaugurato un nuovo modo di rapportarsi con i cittadini, con uno stile diretto e amichevole («amici carissimi, non fate solo domande pertinenti, ma anche impertinenti: io mi chiamo Pertini… »).



Annunci

La storia della Repubblica attraverso i Presidenti

aprepresidenti-1000x600

Il primo presidente eletto secondo il dettato della Costituzione fu Luigi Einaudi.

Il Presidente eletto con il più ampio margine fu Sandro Pertini che, nel 1978, raggiunse l’82,3% dei consensi (832 voti su 1011). Giovanni Leone fu invece il Presidente eletto, nel 1971, con il minor numero di consensi: il 51,4% (518 voti su 1008). La sua elezione fu anche la più difficile e lunga della storia repubblicana, in quanto richiese 23 scrutini, protraendo i lavori parlamentari per quasi 25 giorni.

Antonio Segni fu il primo presidente a dimettersi anticipatamente, a causa di un ictus. Poi, Giovanni Leone (nel 1978) e Francesco Cossiga (nel 1992), lasceranno pochi mesi prima a causa di contrasti con il Parlamento e i media.

Giorgio Napolitano è stato il primo presidente a essere eletto per un secondo mandato consecutivo diventando quindi il presidente più a lungo in carica (9 anni).

Enrico De Nicola

Fu eletto Capo provvisorio dello Stato dall’Assemblea Costituente il 28 giugno 1946 e ricoprì tale carica dal 1º luglio 1946 al 31 dicembre 1947. Il 1º gennaio 1948, a norma della prima disposizione transitoria della Costituzione, esercitò le attribuzioni e assunse il titolo di Presidente della Repubblica, mantenendoli fino al successivo 12 maggio.

Luigi Einaudi
12 maggio 1948-11 maggio 1955

Giovanni Gronchi
11 maggio 1955-11 maggio 1962

Antonio Segni
11 maggio 1962- 6 dicembre 1964

Giuseppe Saragat
29 dicembre 1964- 29 dicembre 1971

Giovanni Leone
29 dicembre 1971-15 giugno 1978

Alessandro Pertini
9 luglio 1978-29 giugno 1985

Francesco Cossiga
3 luglio 1985- 28 aprile 1992

Oscar Luigi Scalfaro
28 maggio 1992- 15 maggio 1999

Carlo Azeglio Ciampi
18 maggio 1999 – 15 maggio 2006

Giorgio Napolitano

2006-2013  – 2013 – 2015

Sergio Mattarella

2015

Gli studenti della I A LES inseriranno delle brevi schede biografiche su ciascun Presidente.